Outside insegne

Come sono fatte le Insegne pubblicitarie

Il successo di un’attività commerciale dipende almeno in egual misura dalla qualità dei prodotti e dalla capacità di raccontarsi in maniera efficace e accattivante al pubblico.
Ecco perché l’ insegna pubblicitaria è molto più di un obbligo di legge: è il primo momento d’incontro e di comunicazione, e in quanto tale va curato con particolare attenzione privilegiando immediatezza ed essenzialità del messaggio.

Il suo scopo principale è rendere immediatamente riconoscibile la sede aziendale o il punto vendita, fidelizzando il cliente al brand. 
Che si scelga un’ insegna pubblicitaria al vivo o con cornice, luminosa o in tessuto, il nostro “biglietto da visita” dovrà dunque saper catturare lo sguardo di chi lo incrocia anche per pochi secondi, trasformando il passante in un potenziale futuro cliente.

Dove collocare l’insegna pubblicitaria

Le disposizioni di legge, almeno in questo caso, sono chiare: lo scopo dell’insegna è identificare la sede dell’esercizio.
Per questa ragione, deve essere installata in corrispondenza dell’attività o al massimo nelle sue pertinenze, e deve sempre contenere il nome dell’azienda, eventualmente corredato da simboli o da marchi.

Quali autorizzazioni bisogna richiedere per installare un’insegna pubblicitaria

Il primo ente pubblico a cui rivolgersi per installare una nuova insegna o sostituirne una già esistente è il Comune di appartenenza.
Per le insegne installate all’esterno dei centri abitati, l’autorizzazione è invece da richiedere all’ente proprietario della strada.

L’autorizzazione è subordinata a numerose prescrizioni, da verificare caso per caso, specialmente per le insegne pubblicitarie da installare su edifici storici, in aree tutelate come bene culturale e in quelle di rilievo ambientale.
Molti Comuni hanno anche approvato specifici regolamenti per uniformare geometrie e colori, nell’ambito dei piani di arredo urbano, a cui ci si dovrà attenere.

L’imposta annuale varia non solo da Comune a Comune ma in ragione della superficie, della posizione urbanistica (centro storico o quartieri di periferia) e del tipo di insegna (luminosa o non luminosa). 
Come è facile immaginare, il costo più alto è per le insegne luminose dei centri storici.

Come realizzare un’insegna pubblicitaria efficace

Nella sua essenzialità, l’insegna nasce per durare ben oltre le periodiche campagne promozionali.
Pur non essendo assimilabile a un manifesto, è chiaro che l’insegna è a tutti gli effetti uno strumento pubblicitario, e di straordinaria efficacia, se utilizzata nel modo giusto.

insegna realizzazione

Il nome dell’azienda deve sempre essere evidente: loghi e simboli devono accompagnarlo, ma mai sovrastarlo. Per quanto eleganti, rischiano di non essere percepiti a distanza e in condizioni di illuminazione precaria
Anche la scelta del lettering va fatta con particolare attenzione. Un carattere inconsueto rischia di non essere riconosciuto facilmente e di finire fuori moda in breve tempo. 
I colori dell’insegna devono essere gli stessi o rimandare in maniera esplicita quelli dell’azienda. Avremo così la certezza di non confondere il potenziale cliente.

Come integrare l’insegna nello spazio esterno e interno

Per individuare stile, forma, collocazione ideale dell’ insegna pubblicitaria è indispensabile studiare in via preliminare anche il contesto in cui sarà inserita. Solo così potremo scegliere a ragione quale soluzione preferire: un’insegna luminosa o tradizionale, con cornice o al vivo.

Tra i principali aspetti da valutare non possono mancare:
– il rapporto tra interno ed esterno del punto vendita, e in particolare la posizione dell’insegna rispetto all’ingresso;
– i flussi di movimento del traffico veicolare e dei pedoni, che determinano i punti focali privilegiati di osservazione;
– l’incidenza della luce solare e delle altre fonti di illuminazione nel corso della giornata.

Un’ insegna promozionale “bella” non è solo figlia di un’intuizione estetica, ma lo è nella misura in cui si integra in maniera naturale con l’ambiente urbano, sa far risaltare il messaggio, sa agire a livello emotivo per imprimersi nella memoria del consumatore.